it
venerdì, Dicembre 2, 2022
ΤributoTOP 10 Attaccanti Italiani Migliori di Sempre

TOP 10 Attaccanti Italiani Migliori di Sempre

Se vi fosse chiedendo quali siano i migliori giocatori italiani di sempre, si tenta nel posto giusto. Ci sono stati in italia tantissimi attaccanti molto famosi, che hanno vinto e calcato i maggiori campionati europei. Una classifica per dimostrarci che anche se questo non è un buon momento per la Nazionale Italiana, psi potrebbe andare avanti a parlare per ore dei migliori giocatori italiani.

I giocatori della Seria A infatti ha visto vincere una seri di trofei molto interessanti, e tra questi possiamo trovare una sfilza di nomi che hanno ricoperto il ruolo di attaccanti in Italia.

Silvio Piola

Tra questi nomi, tra i meno giovani sicuramente non conosceranno il grandissimo Silvio Gioacchino Italiano. L’attaccante della Lazio degli anni 30 ha visto attraversato la sua carriera della PRo Vercelli e del Novara, avendo saltato solo una stagione a causa della seconda guerra mondiale.

E’ attualmente il miglior marcatore italiano con il maggior numero di reti segnate. 290 sono state le reti segnate del connazionale nato a Robbio il 29 settembre 1913 che ha fatto la storia dopo aver vinto il mondiale di Francia nel 1938. È il terzo miglior marcatore degli azzurri, con Gigi Riva e Giuseppe Mazza, con 30 reti. Nel 2011 ha ottenuto il riconoscimento alla memoria nella Hall Of Fame del calcio Italiano.

L’attaccante della lazio ha segnato dei recordcount la squadra del calcio segnando il più alto numero  di gol in assoluto in competizioni ufficiali, con un record nella serie a del calcio italiano di 290. Il calciatore maggior numero di Reti segnate nella Seria e l’impero, insieme a Omar Sivori ad aver segnato 6 gol nella massima Serie i Italiana.

Il più giovane giocatore a segnare una tripletta in Serie A, con 17 anni e 132 giorni con la Pro Vercelli contro il Napoli. è il più giovane giocatore di calcio a realizzare un poker in Seria A a 18 anni e 54 giorni con la Pro Vercelli contro la Alessandria.

LA sua carriere ha avuto molte conquiste e vittorie con il Novara, portando la Squadra in Seria A con una vittoria al termine della sua carriera nel 1948, per non parlare del mondiale vinto in Francia nel 1938 e una coppa internazionale.

Ha visto per 2 anni la vittoria della classifica Capocannonieri della Serie A con 21 gol a stagione ed è stato inserito come All- Star team ai mondiali di calcio di Francia 1928.

Piola non è stato solamente un grandissimo calciatore e uno dei più vincenti della storia del calcio italiano, ma anche un grandissimo personaggio pubblico nel dopoguerra a Torino dalla Fiat e Juventus.

Abbiamo visto infatti il giocatore giocare splendidamente per la Nazionale e vincere una serie di trofei molto abissi per gli anni che correvano. Oggi le sue statistiche sono state surclassate da molto, ma rimane uno dei migliori calciatori italiani di sempre . Anche il debutto con la Pro Vercelli da giovanissimo con un guadagno di 200.000 lire di trasferimento alla Lazio dopo essere stato nominato capocannoniere. Ha giocato in tutte le migliori squadre dell’epoca, mostrando e dimostrando di essere un grandissimo attaccante e campione.

Alessandro Del Piero

Considerato da tutti come un icona per la squadra della Juventus si può considerare come uno dei migliori attaccanti della nazionale di calcio nel 2006, nella quale si è laureato campione del mondo contro la Francia. Dieta in assoluto il record i primato, stabilendo il record per la squadra torinese con 290 reti in 705 incontri. 

In attività dal 1995 al 2008 ha fatto parte della nazionale italiana, partecipando a 3 campionati del mondo e in 4 campionati europei nel quale ultimo come capitano. Nella competizione internazionale ha segnato con la squadra juventina 27 reti in 91 presenze rendendo migliori quattro miglior marcatore di sempre insieme a Roberto Baggio. Capocannoniere della Champions league nel 1998 con 10 gol e della coppa italia nel 2006 viene ricordato come il giocatore che non ha abbandonato la maglia quando la Juventus è stata retrocessa nel 1007 in serie B con 20 gol e l’anno dopo in seria A con 21 gol.

Dopo l’ultimo scudetto ha detto addio alla maglia della Juventus in seguito alla partita vinta sul campo campo contro il Milan. Il 13 maggio 2012 ha vinto la sua ultima partita in campionato contro l’Atalanta segnando il suo 290 gol in carriera con la maglia bianconera. Il capitano esce dal campo al 57’, acclamato dal suo numero 10 sulla maglia. 

In seguito ha finito con il Sydney FC con l’esordio nella lega Australiana cercando di portare la sua addara alla vittoria del campionato. Per la nazionale di calcio viene ricordato come uno dei migliori marcatori di sempre, ma Del Piero rimane nel cuore di tutti gli italiani,grazie a Marcello Lippi il tecnico che lo ha lanciato nella Juventus come CT della nazionale. 

Il suo palmares potrebbe far invidia a chiunque con 6 campionati vinti e 1 coppa italia. Ricordato come vincitore della UEFA Champions League nel 1995-1996 con una coppa intercontinentale, 1 supercoppa UEFA e 1 campionato del mondo. Sicuramente uno dei migliori attaccanti di sempre per le sue doti atletiche e di precisione dalla distanza, instancabile alla ricerca del gol e la sua creatività nel cercare la rete.

Francesco Totti

Nominato come ottavo Re di Roma, Francesco Totti non ha bisogno di presentazioni: cpm 250 reti all’attivo in Serie A è il miglior marcatore italiano che ha segnato la maggior parte di reti con la stessa squadra. Inoltre è l’attaccante con più presenze in serie A,  competizione nella quale è l’unico insieme a maldini di aver giocato 25 stagioni ed essere andato a Segno in 23 campionato peraltro consecutive. E’ stato inserito da Pelé come uno dei migliori giocatori di sempre , con il riconoscimento della Scarpa D’oro.

Il suo palmares potrebbe far impallidire chiuch. Ha portato la nazionale a laurearsi campione del mondo nel 2006, con la nazionale italiana e vice campione d’Europa nel 2000. E’ considerato uno dei migliori calciatori italiani di tutti i tempi, nonché tra i più forti al mondo della propria generazione, vincendo 1 scudetto con la Roma calcio e due Supercoppe italiane, con annesse Due coppe Italia. Ha vinto l’europeo U21 nel 1996 e i giochi del Mediternnaeo nel 1997. Ha iniziato a giocare da giovanissimo con le sue caratteristiche tecniche di trequartista e di seconda punte, pur non essendo un vero e proprio finalizzatore, funge molto bene da uomo assist, nella creazione delle occasioni da gol. Il Duo prop giol in seria a risale al 1994, con una  serie di vittorie molto interessante per il suo notevole controllo palle a precisione con passaggi in profondità unici.

La visione del gioco e una grande fantasia e creazione di occasioni da gol lo hanno incoronato come il maggior giocatore per il suo tiro del cucchiaio, ma lo possiamo ricordare come il suo gioco si basava molto anche sull’ottimo taranto e di punizioni e rigori.

Tra i suoi record abbiamo il maggior numero di doppiette e più calci di rigore. Almeno un gol in 23 stagioni consecutive e unico calciatore che sia andato a segnare più di 100 gol con la stessa maglia per 9 stagioni consecutive.

Abbiamo uno dei più grandi giocatori di sempre e con una serie di giocate molto interessanti che hanno fatto innamorare tutta la tifoserie Romanesca, essendo considerato come una delle ultime bandiere dell’italia che non ha mai abbandonato la sua squadra del Cuore.

Roberto Baggio

Chiamato Divin codino nasce a Caldogno il 28 Febbraio 1967, creando un vero personaggio incredibile nella sua straordinaria leggenda. Viene considerato uno dei migliori attaccanti di sempre e per il calcio italiano, vincendo anche un pallone d’oro nel 1993. Nel 2004 appariva per l’ultima volta nel calcio professionistico e insieme a Francesco tutto è considerato uno dei migliori attaccanti italiani di tutti i tempi.

Personaggio dalla storia fatta di alti e bassi ha sempre avuto un vantaggio rispetto agli avversari e sportattutta alla ricerca della vittoria con tutte le squadre per cui ha giocato. Roberto Baggio viene acclamato da tutta la folla al San Siro, per la nazionale e per tutto il pubblico. Viene spesso ricordato per la maledetta finale ai rigori, dove ha sbagliato il tiro decisivo del 17 luglio 1994, dove ha segnato parte della sua carriera mandando in tribuna la palla nella finale degli USA. 

Abbiamo visto infatti un grandissima persona che è riuscita a passare oltre quel bruttissimo errore contro il Brasile,che venne sbagliato dal Divin Codino, che con quella sconfitta ha dimostrato di avere una grandissima personalità portando la nazionale italiana in finale dei mondiali. Baggio è uno degli ultimi romantici per il calcio italiano e ha segnato la storia della generazione degli anni ’90, con le sue incredibili giocate e la  lotta contro i difensori avversari per non lasciare spazio alle occasioni da gol. Anche ritornato da tutti gli  allenatori per avere delle diatribe per la sua fantasia e per la sua voglia di fare. Tra i talit allenatori che hanno avuto problemi con lui possiamo trovare Marcello Lippi, che nella sua biografia lo cita come un giocatore cattivo e falso, minaccioso di quell’errore.

Ha avuto molti dissapori anche con Fabio Capello, ma con le sue caratteristiche da fuoriclasse ha sempre ammaliato tutti con le sue giocate incredibili durante la sua permanenza in serie A.

Tra i giocatori migliori di tutti i tempi lo possiamo trovare nella prima posizione con Francesco totti, ma in generale le sue prestazioni non sono state così eclatanti come quando aveva la palla tra i piedi. Tra il suo palmare abbiamo 2 campionati italiani, 1 coppa italia e 1 coppa UEFA, ma tra i record è il miglior realizzatore della nazionale di calcio italiana con 9 gol al campionato mondiale. Per la nazionale italiana potrebbe essere una buona mossa averlo tra i dirigenti.

Gigi Riva 

Tra i migliori attaccanti di tutti i tempi non può mancare il nome di Gigi Riva, un’altra generazione di calcio, con il suo palmares incredibile per la nazionale di calcio degli anni 70.

Considerato secondo Cesare Maldini uno dei migliori giocatori Italiani di ogni epoca è stato citato sul World Soccer. Il suo esordio arriva a Cagliari,che divenne bandiera della squadra con un record di marcatura ancora imbattuto. 

Campione d’Europa nel 1968 e vice campione del mondo nel 1970 con la nazionale italiana ha il record di marcature con 35 gol segnati. 

La sua carriera inizia nel 1962 a Legnano, con un esordio nelle giovanili soprannominato il Forchetta, integrato nella rosa della prima squadra della Serie C subito dopo. Visto già da subito come un fuoriclasse ha fatto vedere all’italia come giocare a calcio con il Cagliari, che allora non aveva niente a che vedere senza il giovane Gigi. Prima del Mondiale messicano vinse lo scudetto con il Cagliari nel 1969 presentandosi come capocannoniere della serie A per 3 volte, e capocannoniere in coppa italia con 9 gol,  il suo record. Viene ricordato come uno dei veterani italiani dalla Hall of fame del calcio italiano, me per il pubblico sardo questo rimane uno dei migliori giocatori della storia del calcio dell’isola.

In generale molto carismatico e presente per la storia del calcio italiano, e considerato da molti come il migliore di tutti i tempi per la nazionale italiana. La gazzetta ha dedicato tantissima articoli a Riva, come il migliore attaccante di sempre, ma in genere il suo video è diventato  il tutto il mondo. 

Detiene il record come miglior marcatore nella storia della nazionale italiana con 35 gol in 42 presenze e miglior marcatore in assoluto del Cagliari con 208 gol segnati in 377 partite. uno dei 6 giocatori ad aver realizzato la quaterna con la maglia della nazionale italiana e 1 dei 5 giocatori ad aver vinto nella stessa stagione la classifica del campionato e della coppa italia per quanto riguarda i marcatori con il Cagliari. 

Giuseppe Meazza

Molti lo conosceranno per il nome del San Siro, che con il giuseppe Meazza è diventato una vera e propria icona del calcio italiano è stato uno dei migliori trattati della nazionale italiana di tutti i tempi. La carriera con l’inter è stata una vera e propria storia di amore,con cui è stato legato per 14 stagioni diventando il miglior marcatore di  tutti i tempi vincendo 3 titoli di campione di italie e 1 coppa italia, con 3 volte miglior marcatore del campionato italiano che dalla coppa dell’europa centrale. Viene considerato uno dei migliori marcatori della nazionale italiana, dopo solamente Gigi Riva. 

In genere Meazza è stato un’icona per quanto riguarda la squadra di Milano, riuscendo a conquistare l’amore della sua amata Inter segnando 346 reti in 563 aperte con una media di 0.62 gol a partita. Per noi di Novibet rimane uno dei migliori marcatori tra i quali tenere conto della storia,giusto che detiene un palmers in assoluto di tutto rispetto, per quanto riguarda il campionato mondiale vincendo 2 mondiali in Italia nel 1934 e in Francia nel 1938. Per quanto riguarda le coppa internazionale, ha vinto 2 volte il trofeo, rimanendo il simbolo del calcio italiano fino a 68 anni, quando morì in seguito ad un tumore del pancreas. 

Individualmente è stato capocannoniere della Serie A per 3 volte, con 31 gol nella stagione 1929-1939 e capocannoniere della Coppa Italia per 1 occasione con 8 gol. L’uomo dei record per quanto riguarda le sue performance contro il Milan.

Giuseppe Meazza verrà ricordato per sempre per le sue performance con una in crisi, ricordato come una bandiera del calcio Italiano come Diego Armando Maradona che ha portato vittorioso il Napoli. Sicuramente Una delle icone di spicco per il calcio italiano, ma vista la sua precoce morte non è riuscito a vincere come miglior giocatore di sempre anche nel reparto da allenatore.

Paolo Rossi

Paolo Rossi è stato uno dei migliori attaccanti italiani, riuscendo a conquistare la coppa del mondo nel 1982 con la nazionalità italiana. In Argentina viene soprannominato Pablito con il suo esordio con la nazionale nel 1978 e con le sue prodezze anche a Spagna ‘82. Considerato come il miglior marcatore della competizione in quell’anno detiene il record di gol in maglia della nazionale con 9 gol segnati in questa competizione. Eguagliato il suo record di miglior giocatore in assoluto, solo con la stessa cifra da Ronaldo nel 2022 ad aver vinto nello stesso anno la competizione mondiale, il pallone d’oro e capocannoniere. 

Risultati Di il a sua 42 posizione nella classifica dei migliori calciatori del XX secolo secondo World Soccer è stato uno  dei migliori giocatori viventi nel FIFA 100. Nel suo palmares possiamo trovare 2 volte il campionato italiano e 1 coppa italia, con una vittoria della coppa dei campioni con la Juventus nel 1984-1985 e 1 supercoppa europea. 

Ha vinto anche la coppa delle coppe nell’anno precedente con una prima vittoria del mondiale. Oltre al pallone d’oro è considerato uno dei migliori giocatori italiani di tutti i tempi, insieme agli altri della classifica stilata da noi.

Giampiero Boniperti 

Giampiero nasce in provincia di Novara il 4 luglio del 1928,ma lascia il suo nome nella storia della Juventus con 443 presenze e 178 gol. Concreto sia sul campo che come allenatore  è stato inserito nel trio magico, come uno dei migliori nel reparto di attacco della Serie a, Viene visto come uno dei capostipiti del trio Magico e inserito nel FIFA 100, con una serie di giocate molto interessati fuino arriva all’oro olimpico: è esteso anche deputato al Parlamento Europeo con una grandissima carriera da allenatore. 

Le sue statistiche parlano chiaro, con una serie di giocate incredibili ha conquistato il mondo dello sport anche nei campionati italiani, con ben 5 scudetti vinti e 2 coppe italia a cavallo della seconda guerra mondiale. Capocannoniere deciso ancora in seria  con 27 gol, e in Coppa di Campioni con 6 gol nel 1951, Boniperti è stato un po ‘uno dei migliori capitani che ha avuto la Juve negli anni del dopoguerra. 

Inserito come uno dei migliori calciatori di sempre, ermetica con tutto rispetto un posto nella nostra classifica. Lersue presnetzne e reti in nazionanale nonsono state nulla con la maglia baimcoreta,em solamente Alessandro Del Piero ha superato il suo record imbattuto sino all’ottobre del 2010 10 dove ha detenuto il maggiro d’ nuemro di gol nella seria a con 178 reti totali. In assoluto ha collezionato 445 presente nella massima serie con la maglia bianco nera con 188 reti di cui 4 in europa e 6 in coppa rio. 

Sotto la guida di Vittorio Pozzo in avanti le giornate dopo la Tragedia di Superga il grande Torino, ha portato alla nazionale il suo primo gol. In coppa del mondo giocando 2 volte in Brasile e in svizzera, con tanta sfonturna e avventura che ha portato alla nazionale in quei anni, non è mai riuscito a partecipare come MVP ai mondiali.

Bobo Vieri

Anche lui con l’inter mette a segno una delle migliori pagine del calcio italiano, nascendo con le giovanili del torino, per poi passare all’atalanta per conquistare la fiducia della juventus di Lippi. 

Considerato come uno dei migliori attaccanti della sua generazione, ha militato in 11 square italiana tra sarei i c, A ae B, con 2 presenze all’estero tra Atletico Madrid e Monaco Veloce progressione ha protato anceh alla nzazionale di calcio con un grandissimo rapace aereo, con un corpo massiccio e forte, ma in genere la squadra lo chiamava a tuttofare. Ha vinto 2 europei di calcio UNDER 21, in Francia e in Spagna, ma anche con la maglia della nazionale del 1997 al 2005, Vieri è stato uno degli attaccanti più innovati. 

Accostato spesso a Gigi Riva, come il goleador,ma un repertorio prià fine e delicato. Ha vinto 2 campionati di primavera, 1 coppa italia, 1 coppa delle coppe con la lazio, 1 supercoppa della Juventus nel 1996 ,1  supercoppa italiana, 1 calpitano italiano. Inserito nella squadra dell’anno per 3 volte consecutive, come miglior capocannoniere della serie A in 1 occasione, Vieri è stato semplicemente immenso per la sua personalità da goleador e gestore della squadra per con 478 partite disputate e 2236 reti segnate. In carriera la squadra con cui ha fatto più gol è stata quella dell’Inter con 123 reti segnate da Bobo dalla stagione del 1992-2005.

Ciro Immobile 

Nato a Torre Annunziata il 20 Febbraio del 1990, è un attaccante della Lazio, ancora capitano, e della nazionale italiana, con cui ha vinto il Campionato D’Europa nel 2021. Sempre cresciuto nelle giovanili campane, si è trasferito alla squadra della Juventus, per  poi passare in prestito al Pescara e Torino, divenendo per due volte il titolo di Capocannoniere della Serie B 2012 e Serie A del 2014. Con l a Lazio si afferma come uno dei migliori attaccanti della sua generazione, con 3 vittorie della classifica marcatore della Serie nel 2019 2020 e 2022.

Unico giocatore italiano a vincere il titolo per 4 volte e una occasione quella della UEFA Europa League, con la maglia biancoceleste. Il suo Palmares conta uno dei migliori di sempre, con una Coppa Italia e 2 Supercoppe italiane. abbiamo visto trovare Ciro anche nella vittoria della Scarpa D’oro per la miglior attaccante della Lega Serie A e della squadra dell’anno AIC. 

Molto famoso per i suoi record di gol, è uno dei più prolifici attaccanti mondiali, con un totale di 260 gol in 454  presenze, con un totale della Lazio di 182 e 259 presenze. Inutile dirlo, anche per il rendimento che ha avuto in nazzionale italiana, Ciro Immobile risulta essere uno dei migliori attaccanti italiani di Sempre, anche se per molti non è così è stato uno dei più prolifici marcatori di tutta la storia della serie A. 

Vincente del Campionato D’Europa 2022, ha dato una grande mano alla squadra a vincere il titolo internazionale con la maglia dell’italia

Latest News

Related news